Blog

Tecniche di implantologia dentale

L’edentulia e i problemi connessi
L’edentulia, parziale o totale, è una patologia che condiziona negativamente il soggetto colpito sul piano psicologico, su quello funzionale e delle relazioni sociali.
Generalmente chi ne soffre evita di sorridere davanti agli altri, per timore di mostrare il proprio problema, vive una situazione di forte disagio e purtroppo, se non interviene in tempo, i problemi peggiorano, infatti la mancanza dei denti comporta il ritirarsi dell’osso e, di conseguenza, si modificano i lineamenti del viso.
A questi si aggiungono altri gravi problemi, quali la cattiva occlusione e la difficoltà di masticazione, che porta il paziente a privarsi di alcune categorie di cibi, a non poter variare l’alimentazione, optando solo per cibi morbidi, che non richiedono una masticazione impegnativa.

Implantologia dentale

L’implantologia dentale è una tecnica odontoiatrica che permette di risolvere i problemi legati all’edentulia chirurgicamente, tramite l’innesto di nuovi denti in sostituzione di quelli naturali.
Si tratta di una tecnica nuova, che negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, che offre ai pazienti la possibilità di un recupero completo sia dell’aspetto fisico che della funzione masticatoria, una soluzione definitiva, sicura, rapida, in alternativa al classico”ponte”, rimedio solo momentaneo, che ben presto si rivelava inefficace.

Tecniche di implantologia dentale

Con la tecnica dell’implantologia dentale si innesta chirurgicamente nell’osso mandibolare, o mascellare, un impianto dentale, solitamente in titanio, materiale innovativo biocompatibile che non comporta problemi di rigetto.
L’impianto dentale è una vite in titanio, o in una sua lega, che sostituisce la radice, a questa viene fissato un moncone che serve da supporto alla corona del dente fisso. I nuovi denti sono del tutto simili a quelli naturali, sia per consistenza che per colore, pertanto, con la tecnica dell’implantologia dentale, vengono restituiti al paziente serenità psicologica e funzionalità masticatoria.
Questo tipo di impianto si può inserire tranquillamente senza influire sui denti sani, ed offre una soluzione definitiva.

Implantologia a Carico Immediato

Le innovazioni più recenti in campo odontoiatrico hanno permesso di migliorare ulteriormente le tecniche dell’implantologia dentale, infatti oggi, con la nuova tecnica dell’Implantologia a Carico Immediato, per avere i denti fissi non occorre più aspettare mesi perché i tessuti guariscano, né sottoporsi a continui controlli, rimanendo intanto senza denti. Oggi il paziente può avere i denti fissi già nell’arco delle 24 ore, grazie alla sistemazione di una protesi provvisoria sull’impianto appena posizionato.
Presso le migliori cliniche odontoiatriche specializzate, l’intervento viene effettuato in condizione di sedazione cosciente, per permettere al paziente di ridurre l’ansia e al chirurgo di eseguire l’intervento serenamente.

Quali tipi di impianti dentali innestare ?

Impianto per tornare ad avere subito una dentatura fissa e sana

Curare la salute della propria bocca è fondamentale per conservare il piacere di vivere. Purtroppo, in certi casi subentra una perdita di denti. Fino a poco tempo fa, l’unica soluzione era l’utilizzo di una protesi dentale totale o parziale, spesso scomode e causa di fastidi e imbarazzi nella vita quotidiana. Fortunatamente, oggi il progresso scientifico in campo odontoiatrico permette di impiantare i denti mancanti con modalità e opzioni diverse a seconda dell’entità della perdita e delle necessità del paziente. Un impianto dentale è la risposta più sicura e moderna per tornare a sorridere. Analizziamo i vantaggi dell’implantologia dentale e le tipologie disponibili per ogni soluzione.

Come funziona l’impianto dentale

L’impianto dentale è un sistema per sostituire denti malati o innestare nuovi denti sfruttando una radice artificiale, costituita da una vite in titanio che viene inserita nell’osso di mascella o mandibola, su cui va ad agganciarsi un pilastro a cui si attaccherà la protesi della corona del dente. È il metodo che offre risultati più naturali, perché offre la sensazione di stabili denti naturali che non si muovono. L’implantologia dentale viene eseguita con veloci interventi in anestesia locale ed è assolutamente indolore per il paziente: in pochi giorni si può tornare ad avere denti fissi e robusti. Gli impianti vanno bene a chi ha perso un dente o pochi denti, o anche a chi mancano tutti i denti. Esistono varie tipologie di impianto a seconda delle modalità e tecniche impiegate nell’intervento.

Impianto dentale in 2 fasi

L’intervento per carico differito è strutturato in due tempi separati: l’inserimento dell’impianto nell’osso durante la prima fase, e l’avvitamento del pilastro per la corona nell’impianto durante la seconda. In questo tipo di intervento, è necessario aspettare dai tre ai sei mesi fra una fase e l’altra a seconda della posizione del dente.

Impianto a carico immediato

 

Questo tipo di impianto prevede l’inserimento dell’impianto e la connessione della corona in una sola fase unica, evitando le attese e i punti di sutura. Con questa tecnica veloce e completamente indolore svolta in anestesia locale, è possibile tornare a masticare su denti perfetti in una sola ora! Per poter applicare questa metodologia è necessario che l’alveolo non presenti infezioni, e che ci sia una buona quantità e qualità di osso ricevente in cui innestare l’impianto.

Impianti All on Four

 

Nel caso di pazienti privi di denti o in cui si rende necessario la rimozione degli ultimi denti, è possibile attuare l’implantologia su quattro impianti. Questa tecnica prevede l’innesto di due ponti provvisori con le protesi di tutti i denti attraverso l’inserimento di solo quattro impianti nella parte frontale delle arcate superiore e inferiore. Un modo immediato per riavere tutti i denti subito!

Tecnica all on four

Cos’è la tecnica all on four

All on four significa “tutto su 4” e si riferisce alla possibilità offerta dalle più moderne tecniche implantologiche dentali di posizionare 12 denti su un arcata, inserendo appunto soltanto 4 perni o impianti dentali.

Fino a qualche anno fa una tecnica del genere era impensabile, se si considera che quanto detto avviene nella stessa seduta, alla fine della quale il paziente ha di nuovo i denti fissi e può cominciare a utilizzarli fin da subito.

La tecnica all on four si avvale del carico immediato, nel senso che la protesi fissa provvisoria viene montata al massimo entro 24 ore dall’intervento di implantologia.

Il paziente si avvantaggia dunque dei tempi ridotti e della possibilità di recuperare la funzionalità masticatoria ed estetica in pochissimo tempo.

Come avviene l’inserimento degli impianti all on four

 

Prima di eseguire un intervento di implantologia all on four il dentista si assicurerà che il paziente abbia disponibile una quantità e uno spessore delle ossa mascellari sufficiente a integrare gli impianti.

Ogni impianto, infatti, ha una lunghezza e una forma a vite che presuppone una quantità ossea che possa accoglierlo per permette che questo si cementi nei mesi successivi e renda stabile e duratura la protesi fissa.

L’all on four è il trattamento d’elezione per una grave edentulia e il “momento” migliore per procedere all’inserimento dei perni sarebbe subito dopo aver perso i denti.

Siccome però questo avviene in tempi diversi, spesso non si riescono sfruttare interamente gli alveoli lasciati da denti decidui.

In ogni caso l’obiettivo è quello di inserire gli impianti riducendo al minimo i traumi sui tessuti molli, senza utilizzare necessariamente punti di sutura e limitando il dolore, che è comunque eliminato durante l’intervento da una leggera anestesia locale.

Il successo della tecnica all on four

casi clinici all on four
implantologiaIl successo della tecnica all on four è garantito dall’uso di materiali d’eccellenza, che sono tra i migliori che si possano utilizzare al fine di realizzare una buona osteointegrazione.

I perni infatti sono costituiti di titanio, un metallo che garantisce contro ogni possibilità di infezione e quindi di perdita dell’impianto dentale.

I denti invece sono in ceramica e zirconio che uniti permettono di ottenere quanto di più vicino ai denti naturali per brillantezza e robustezza.

Tutto l’intervento di implantologia all on four viene preventivamente programmato con l’ausilio di un software di ultima generazione che, in base alla conformazione del cavo orale del paziente, suggerisce quali sono i punti precisi dove inserire i perni, quale dev’essere la forma dei denti e il colore che meglio si adatta per ottenere un risultato perfetto.

Lo stesso risultato può essere visto in anteprima proprio grazie alla chirurgia computer guidata che garantisce un sicuro successo.

Il paziente dovrà quindi attendere dai 4 ai 6 mesi per il posizionamento della protesi fissa definitiva e per avere il migliore e il più sano dei sorrisi.

Impianti dentali – Il futuro

E ‘facile capire perché gli impianti dentali sono diventati molto popolari ai giorni d’oggi.

Implantologia è ormai più che affidabile, offre una maggiore flessibilità per quanto riguarda la possibilità di trattamento, e può dare ai pazienti una dentatura nuova e funzionale in  un’ora con il minimo disagio e dolore usando  un anestetico locale con o senza sedazione cosciente.

Ad oggi con la nuova tecnologia, si può sostituire un singolo dente o l’intera arcata superiore o inferiore.  Questo li rende la scelta ideale per le persone che hanno perso un dente o più denti a causa di malattia parodontale, un infortunio, o per altre ragioni.

A differenza di protesi tradizionali e ponti che si basano sui denti vicini per il sostegno, gli impianti dentali si integrano con l’osso e i denti sani  devono essere distrutti per accoglierli. Ciò si traduce in un aspetto migliore, un sorriso più naturale, e una maggiore fiducia in se stessi.

Dal momento che sono ancorati saldamente alla mandibola, gli impianti dentali migliorare anche la masticazione e danno la possibilità di mangiare qualsiasi cosa , infatti consentono di consumare i cibi preferiti con comodità e sicurezza.

Praticamente chiunque con dei denti mancanti può ottenere un impianto dentale, basta che lui o lei siano in buona salute e con abbastanza osso mandibolare per l’impianto , se no bisogna affidarsi alla tecnica di implantologia zigomatica , infatti oggi  quest’ultimo motivo non dovrebbe essere un problema  in quanto  questi  modelli di impianto sono più lunghi e si vanno ad avvitare direttamente all’osso zigomatico.

L’unica cosa preoccupante oggi e  l’uso improprio degli impianti dentali da parte di alcuni dentisti che fingono di essere esperti.

Non tutti i dentisti possono eseguire un intervento chirurgico,  è per questo importante controllare le credenziali della persona.

Una rivista Americana  ha detto che il 90 per cento dei dentisti Americani che si definiscono “implantologi” hanno frequentato solo brevi corsi nel week-end, e che sono così,  tutto tranne che esperti. Per proteggersi da questi “pseudo-implantologi,” non vergognatevi a chiedere al vostro dentista il curriculum di formazione professionale.

Per le persone senza denti che vogliono mangiare, parlare, parlare, e vivere normalmente,  gli impianti dentali sono la risposta.

 

Storia degli impianti dentali in Titanio

La storia di questi impianti risale al  7 ° secolo. Ma Sono stati trovati nel 1930, all’interno dei luoghi di sepoltura Maya inseriti nell’ osso della mascella di un giovane di sesso femminile.

Brïnemark, un professore svedese ha fatto il primo importante  passo verso le moderne tecniche per gli impianti dentali , generalmente note come implantologia dentale.

Il professor Brïnemark e il suo staff stanno studiando il  processo di rigenerazioen del tessuto osseo all’interno del laboratorio dell’Università di Lund. In questa ricerca , per l’esperimento hanno inserito un cilindro in titanio all’interno del femore di un animale .

Sperimentare le viti in titanio

Una volta completato il primo test , il professor Brïnemark ha scoperto come la vite in titanio si era fusa con l’osso. Così dopo la scoperta rivoluzionaria, il professor Brïnemark ha iniziato a lavorare sul come utilizzare il osteointegrazione.

Egli,  osservato che le viti di titanio possono benissimo essere utilizzate come sostegni per le ossa dei denti.

Si è finiti con il confermare che il Titanio è l’unica sostanza efficace, reale, che funziona bene per gli impianti dentali.

Mostrando la sua documentazione scientifica della procedura, ottenne il consenso di vari altri medici. Le nuove scoperte sull’ implantologia vennero rese note nel 1982 in una  Conferenza di Toronto in una Clinica Odontoiatria.

Le persone cominciarono a capire che questi impianti potevano essere privi di rischi. La standardizzazione attuale per questo metodo , dimostra oggi la validità delle sue scoperte.

Due decenni dopo, le tecnologie e le procedure sono migliorate molto . Piccoli miglioramenti sono stati fatti per il titanio, e un grande miglioramento è stato fatto nelle tecniche le quali garantiscono oggi operazioni di poche ore e con il minimo dolore .